STUDIO ASSOCIATO PROTTO MILANO: DAL 1955 A FIANCO DI IMPRESE E PRIVATI
AIUTIAMO AZIENDE E PRIVATI NELLA CONSULENZA FISCALE E TRIBUTARIA
CONSULENZA DEL LAVORO
SEDE ACCREDITATA PER LA FONDAZIONE CONSULENTI DEL LAVORO

 

 

Nel rispetto delle disposizioni urgenti in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19,

stante quanto contenuto nel DCPM 11 marzo 2020, Studio Protto sta adottando misure a salvaguardia dei propri dipendenti.

Per questa ragione, l’accesso agli uffici è temporaneamente sospeso.

Vi chiediamo che il contatto con i professionisti ed i vostri referenti, avvenga preferibilmente attraverso le e-mail.

Il centralino sarà comunque disponibile nella mattinata da lunedì a venerdì, dalle 9,30 alle 12,00.

Stiamo cercando di garantire il servizio, compatibilmente con le difficoltà del momento, scusandoci sin d’ora, se dovesse esserci qualche ritardo nelle scadenze concordate.

Studio Associato Protto a Milano: consulenza del lavoro, consulenza fiscale, consulenza societaria

Studio Protto è uno studio associato in provincia di Milano, attivo dal 1955, che supporta imprese e privati nella consulenza fiscale, nella consulenza societaria insieme alla presenza di un consulente del lavoro.

Grazie alla sua presenza storica nell’hinterland milanese Studio Protto è un punto di riferimento per numerose realtà imprenditoriali, aziende e cittadini.

Lo staff si compone di 18 membri, tra cui i tre soci, che guidano lo studio con esperienza.

La vicinanza al cliente è fondamentale per far sentire le persone e le aziende seguite in ogni loro passo: il mondo della consulenza del lavoro, fiscale e societaria è sempre molto complesso e richiede non solo preparazione ma anche la capacità di far sentire i clienti seguiti e in mano a professionisti esperti.

 

Spid: il sistema di Identità Digitale

per accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione

 

Avete già provveduto a richiedere lo Spid? Grazie a questo nuovo sistema sarete in grado di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione e molto altro.

Vediamo in questo articolo di cosa si tratta effettivamente e come fare per richiederlo.

Che cos’è lo SPID

Lo SPID è il Sistema Pubblico d’Identità Digitale che permette ai Cittadini e alle Imprese di accedere con un’unica password a tutti i servizi online delle Pubbliche Amministrazioni e delle imprese aderenti. Avrà il valore di un documento di identità.

Introdotta dal Decreto Semplificazioni, si tratta in pratica di una vera e propria Identità Digitale composta da username e password, utilizzabile su tutti i dispositivi elettronici (computer, tablet e smartphone). È facilissimo e immediato da utilizzare, permette di accedere al proprio Fascicolo sanitario elettronico, al proprio cassetto fiscale Inps o dell’Agenzia delle Entrate.

Inoltre è lo strumento che permette di richiedere i bonus previsti dal Governo, come il Bonus Bici per esempio, o come l’iniziativa Cashback, partita l’8 dicembre ma che entrerà a regime dal 1° gennaio 2021.

Entro il 28 febbraio 2021 tutte le PA dovranno adeguare i propri sistemi per renderli accessibili tramite Spid e CIE (la carta d’identità elettronica).

Nel frattempo piano piano spariranno le password differenziate per i vari servizi pubblici. Il termine ultimo è fissato al 30 settembre 2021, data in cui finirà il periodo di transizione durante il quale sarà possibile usare le credenziali già in possesso e non ancora scadute.

Avere lo SPID, è bene precisare, non è un obbligo di legge. Tuttavia sarà in futuro l’unico mezzo necessario per poter accedere ai servizi online delle PA,

Come richiedere lo SPID

Per richiedere lo SPID bisogna avere la maggiore età. Nel momento in cui si avvia la procedura, se residenti in Italia, è necessario avere a portata di mano:

  • indirizzo mail
  • il proprio numero di telefono cellulare
  • un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente)
  • la tessera sanitaria con il codice fiscale.

Se si risiede all’estero invece serve:

  • un documento di identità italiano valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente)
  • il codice fiscale
  • mail
  • Numero di cellulare.

La tessera sanitaria e il codice fiscale vengono richiesti per contrastare l’eventuale furto dell’identità digitale, grazie alla verifica dell’autenticità degli stessi su basi dati nazionali non pubbliche.

Come ottenere lo SPID

Per ottenere lo SPID basta collegarsi e registrarsi sul sito apposito  dedicato e scegliere uno tra gli Identity provider.

La tempistica del rilascio dell’identità digitale dipende dall’identity Provider selezionato. Se non si riesce a ottenere lo SPID online ci si può recare presso una delle pubbliche amministrazioni che possono svolgere le procedure per identificarti, per il rilascio successivo di SPID.

In genere però è necessario attendere circa una settimana per ricevere i dati di accesso per la propria Identità digitale. È vero infatti che si può fare la richiesta per lo Spid in 5 minuti e comodamente seduti sulla propria scrivania, come molte agenzie promettono, ma non sempre viene specificato che per ricevere il codice di accesso bisogna attendere la conclusione delle attività di verifica delle informazioni inserite, che appunto può richiedere qualche giorno

Lo SPID è uno strumento gratuito?

Sì. Per utilizzare lo SPID non è previsto alcun costo, così come richiedere lo SPID è gratis.

Quello che cambia però è il costo dell’identity Provider a cui si sceglie di appoggiarsi. Ogni Identity Provider fornisce diverse modalità di registrazione gratuitamente o a pagamento, in base ai livelli di sicurezza degli SPID che rilascia o alle modalità di riconoscimento prescelte. Alcuni infatti, se si decide di attivare lo SPID attraverso il riconoscimento via webcam, potrebbero richiedere il pagamento per questo o altri servizi aggiuntivi.

Gli Identity Provider che permettono di ottenere lo SPID gratuitamente sono:

 Poste ID (App posteid con CIE o Passaporto)

Sielte ID (App Identifica con CIE o Via Webcam).

Tutti gli altri Identity Provider (Aruba, Infocert, Intesa, Namirial, Poste, Register, Sielte, Tim o Lepida) permettono l’erogazione gratuita dello SPID, ma prevedono il riconoscimento via web cam a pagamento.

La scelta dell’Identity provider è libera ovviamente e deve essere fatta in base alle proprie esigenze.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.