Testo introduttivo

Cashback, l’iniziativa statale per sostenere gli acquisti

 

 

L’8 dicembre è partito in via sperimentale, e in attesa di entrare a regime dal 1° gennaio, l’iniziativa Cashback, promossa dal Governo per sostenere gli acquisti in negozio effettuati con strumenti di pagamento elettronici, a fronte di un rimborso proporzionale alla spesa sostenuta.

Il Cashback non è stato privo di polemiche in queste settimane, prima per le difficoltà riscontrate nello scaricare l’app, poi per il rimborso modesto procapite maturato dagli utenti. Per non parlare poi della bacchettata che il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo ha ricevuto dalla BCE, accusato di non essersi confrontato prima di avviare il programma.

Alla luce di queste premesse, in questo articolo vi spiegheremo per bene in cosa consiste il Cashback, come fare per attivarlo e ottenere i vantaggi promessi.

Cashback: a chi spetta

Per poter partecipare all’iniziativa occorre iscriversi tramite l’app IO realizzata proprio per l’iniziativa. Possono farlo tutti i maggiorenni residenti in Italia e saranno ammessi indistintamente tutti gli acquisti fatti come consumatori privati, quindi non sono inclusi gli acquisti effettuati nell'ambito dell'attività professionale o imprenditoriale. Ecco alcune importanti informazioni per poter usufruire del rimborso.

Come iscriversi al programma

Prima di tutto bisognerà iscriversi, con la propria Spid o con la carta d'identità elettronica (e i codici Pin e Puk) a IO.it, l'app di PagoPA che è già stata usata per erogare il bonus vacanze, oppure a dei sistemi che saranno messi a disposizione da banche e istituti di pagamento convenzionati con PagoPA: al momento risulta attivo per i loro utenti Satispay, App Bancoposta, App Postepay, App Sella, Enel X Pay, Hype, Nexi Pay, Yap.

In fase di registrazione, oltre al proprio codice fiscale, l'utente dovrà indicare gli strumenti di pagamento elettronici che utilizza (a regime tutte le carte e le app) e anche l'Iban su cui verrà poi accreditato il cashback.  

L’iscrizione si può fare in qualsiasi momento: chi si è iscritto a dicembre sarà automaticamente iscritto anche al cashback che partirà il 1 gennaio 2021.

Le tipologie di pagamenti autorizzati

Prima di tutto gli acquisti di beni o servizi dovranno essere pagati in modalità elettronica. Sono quindi ammesse sia le carte di pagamento che le app, sono anche incluse le carte utilizzabili solo all’interno di una specifica catena come le carte regalo oppure le carte sociali come la social card o la carta Acquisti. Tutti questi strumenti devono ovviamente essere strumenti emessi da soggetti convenzionati con pagoPA. 

Nella fase sperimentale di dicembre sono stati ammessi come strumenti di pagamento carte di pagamento dei circuiti internazionali (Mastercard, Visa, Mastero, American Express, etc), carte Pagobancomat e Satispay. A partire dal 2021 saranno compresi anche Apple Pay, Samsung Pay o Google Pay, Bancomat Pay.

Una volta registrati gli strumenti all’iniziativa non si dovrà fare altro che usarli per pagare beni e servizi, le transazioni saranno registrate automaticamente ai fini del rimborso.

Il rimborso promesso dal Cahback

Nella fase a regime che partirà il 1° gennaio 2021, verrà riconosciuto un rimborso semestrale pari al 10% di quanto speso dal consumatore fino a un massimo di 1500 euro a semestre e purchè si facciano almeno 50 operazioni cashless (quindi pagando con carta di credito, bancomat e altri strumenti digitali) a semestre: facendo due conti si potrebbe trattare quindi di un rimborso massimo di 300 euro in un anno.

Ogni pagamento sarà considerato fino ad un massimo di 150 euro, questo perché l’obiettivo è favorire chi fa più operazioni di pagamento cashless e non chi spende di più.

Previsto inoltre un supercashback: in pratica un rimborso che verrà riconosciuto ogni semestre per 1.500 euro, in aggiunta al cashback standard ai primi 100.000 registrati che abbiano effettuato il maggior numero di operazioni cashless, a patto che eseguano almeno 50 operazioni di pagamento nel corso del semestre.

Ai fini del rimborso sono considerati questi periodi:

1° gennaio 2021 - 30 giugno 2021;

1° luglio 2021 - 31 dicembre 2021;

1° gennaio 2022 - 30 giugno 2022.

Il pagamento del cashback e del supercashback avverrà entro 60 giorni dalla fine del periodo (ad esempio per il primo semestre, il pagamento del cashback e del supercashback avverrà entro il 29 agosto 2021). 

Tutti i rimborsi, inclusi quelli relativi al super cashback saranno ovviamente esentasse.

È prevista inoltre la possibilità di inviare un reclamo per rimborsi sbagliati o non concessi attraverso apposito modulo disponibile sul sito www.consap.it.

Il reclamo dovrà essere presentato entro 120 giorni dal giorno previsto per il rimborso e Consap darà risposta entro 60 giorni dal suo ricevimento. Dunque i primi reclami potranno partire dopo il rimborso di febbraio 2021 e ai fini della prova si possono usare ovviamente gli estratti conto delle carte e delle app.

Le tipologie di spesa ammesse

Il cashback riguarderà qualsiasi tipologia di spesa pagata in modalità elettronica, quindi gli acquisti di servizi e beni come generi alimentari, abbigliamento, spese mediche, ristoranti o tutte le altre tipologie di spesa, escluse quelle fatte online.

Perché questa scelta? La motivazione principale risiede nella volontà di supportare e dare impulso agli acquisti nei negozi tradizionali che durante il lockdown hanno subito gravi danni economici a dispetto invece degli acquisti in ecommerce.

Gli esercenti non devono convenzionarsi ma saranno gli operatori che gestiscono i loro pos per i pagamenti che aderiranno all’iniziativa. Ad oggi hanno aderito i principali operatori italiani: Pagobancomat

  • American Express
  • Poste Italiane
  • Axepta BNL
  • Banca Sella
  • Bancomat Pay
  • Iccrea
  • Nexi
  • Satispay
  • UniCredit

Sull'app Io e sui sistemi messi a disposizione dalle banche ed operatori saranno visibili le operazioni valide ai fini del cashback. Attenzione perché le transazioni sono visibili il giorno dopo la contabilizzazione da parte degli istituti bancari (potrebbero servire fino a 3 giorni). 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.